Villa Nave

CENNI STORICI:

La storia di Villa Nave iniziò nel 1889, quando Don Paladino assegnò una tenuta, tra via Pietratagliata e Boccadifalco, alle suore per occuparsi dei più bisognosi. Il 7 agosto del 1904 l’istituto fu canonicamente affiliato ai Chierici Regolari Teatini di Napoli. Da allora occuparono di soccorrere e assistere ciechi, sordomuti, anziani senza tetto e gli abbandonati.

Nel 1952, a seguito della collaborazione con l’Assessorato Regionale dell’Igiene Sanità, nacque “l’Istituto Medico-Psico-Pedagogico delle Suore Teatine di Villa Nave” rivolto ai minori con ritardo dello sviluppo e disabilità medio-grave.

Tale convenzione viene formalizzata definitivamente nel 1954, con l’apertura del servizio residenziale e semiresidenziale rivolto a minori con disabilità. Dall’Ottobre del 1995 è stato abolito il servizio residenziale ed è proseguito il servizio semiresidenziale per 50 minori. Nel 2001 inizia l’attività riabilitativa neuromotoria a regime domiciliare e nel 2009 si affianca il servizio ambulatoriale per utenti che necessitano di logopedia, psicomotricità e fisiokinesiterapia.